biomedfood

.


Biomedfood S.r.l. si occupa di ricerca e sviluppo e consulenze in ambito di alimentazione e prevenzione. È uno Spinoff dell’Università Politecnica delle Marche e una startup innovativa.

La nostra azienda offre competenze derivanti da anni di ricerca scientifica e di esperienze nel campo della Nutrizione, della Biochimica, della Sicurezza nei luoghi di lavoro e della Divulgazione scientifica.

Operiamo con le aziende agroalimentari e in sinergia con istituzioni pubbliche e private, fornendo servizi in campo nutrizionale, al fine di sensibilizzare la popolazione verso una sana e corretta alimentazione.

Attraverso i nostri servizi aiutiamo le AZIENDE a migliorare i loro PRODOTTI ALIMENTARI.
Supportiamo i CONSUMATORI verso SCELTE CONSAPEVOLI, insegnando loro che si può mangiar bene in ogni occasione preservando la salute e rispettando l’AMBIENTE.
Siamo costantemente alla ricerca di nuove modalità per trasferire le conoscenze scientifiche nell’alimentazione quotidiana attraverso nuovi prodotti, ricette e format innovativi.

Le diete drastiche dopo le feste? Attenzione, la sana alimentazione è uno stile di vita

Quanti di voi dopo le abbuffate natalizie, decidono di tuffarsi nelle diete drastiche fai da te o consigliate da sedicenti professionisti? Purtroppo queste diete senza fondamenti se protratte per tempi lunghi e senza la supervisione di esperti possono arrecare danni. Il consiglio è quello di adottare uno stile di vita sano nella quotidianità.

Proponiamo un articolo con alcuni consigli della nostra nutrizionista Francesca Raffaelli pubblicato sul quotidiano centropagina.

Smaltire i chili delle feste e recuperare gli avanzi: i consigli della nutrizionista

Lasagne, tortellini, carne, panettoni, torroni, pandori: nell’arco di pochi giorni le nostre tavole si sono riempite di piatti calorici e di cibo in eccesso che si trasformano in gonfiore e adipe. Ecco come intervenire

                                                   Dieta

ANCONA – No alle diete fai da te e a quelle consigliate da chi non è dietologo, biologo nutrizionista o dietista. È questo l’appello lanciato da Francesca Raffaelli, PhD – Specialista in Scienza dell’Alimentazione e Presidente Biomedfood (Spinoff dell’Università Politecnica delle Marche). Una dieta non si improvvisa, neanche per perdere i chili acquisiti con i bagordi natalizi, quando è più difficile resistere alle tentazioni culinarie. Lasagne, tortellini, agnello, panettoni, torroni, pandori: nell’arco di pochi giorni le nostre tavole si riempiono di piatti calorici e di cibo in eccesso che si trasformano in gonfiore e adipe.

Panettone

LE 5 RACCOMANDAZIONI DELL’OMS
Ma non tutto è perduto: con i consigli giusti si possono perdere i chili “regalati” dalle feste. Proprio nei giorni scorsi l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), aveva delineato le 5 regole per una sana alimentazione in modo da contrastare problemi di salute, come obesità, malattie cardiache, cancro e diabete.

Frutta e verdura
Frutta e verdura

Tra le raccomandazioni dell’Oms, quella di variare l’alimentazione, alternando alimenti come grano, mais, riso e patate, da abbinare a legumi, carne e pesce, e di consumare frutta e verdure fresche (meglio preferire il cibo integrale); moderare il consumo di sale al massimo ne sono consentiti 5 grammi al giorno, pari circa ad un cucchiaino da té, il sale aumenta infatti la pressione sanguigna predisponendo al rischio di malattie cardiache e di ictus; ridurre l’uso di grassi trans industrialiburro e lardo che aumentano del 30% il rischio di malattie cardiache, meglio preferire olio extravergine di oliva,  olio di semi di soia, di girasole o di mais; limitare l’assunzione degli zuccheri, anche di quelli nascosti in bevande e cibi (ridurre il consumo di dolci, bevande zuccherate, specie nei bambini); moderare l’alcool responsabile di danni al fegato, malattie cardiache e mentali.

Alcool

Secondo l’Oms non esiste un quantitativo sicuro nel consumo di alcool, perché per molte persone anche basse dosi possono comportare gravi rischi per la salute. Al bando gli alcoolici invece per le donne incinta e in allattamento.

I CONSIGLI DELLA NUTRIZIONISTA

La dottoressa FRANCESCA RAFFAELLI, PhD, Biologa Nutrizionista fondatrice e presidente di Biomedfood s.r.l. – Spinoff Università Politecnica delle Marche www.biomedfood.com

«È importante seguire uno stile di vita sano durante tutto l’anno come consigliato dall’OMS» spiega la biologa nutrizionista Francesca Raffaelli, solo in questo modo le abbuffate natalizie non faranno troppi danni e saranno sufficienti dei piccoli accorgimenti per tornare in forma».

Il cappone delle feste

«In ogni caso – ammonisce la Raffaelli – se si desidera iniziare un percorso nutrizionale con un adeguato piano nutrizionale, occorre farsi seguire dai professionisti della nutrizione». Le uniche figure abilitate sono il dietologo (un medico in possesso della laurea magistrale e di una specializzazione di 4 anni, può prescrivere diete e farmaci e può fare diagnosi), il biologo nutrizionista (un biologo in possesso della laurea magistrale, con eventuale specializzazione o master, può prescrive diete ma non può prescrivere farmaci e non può fare diagnosi) e il dietista (un laureato triennale in dietistica, che può elaborare un piano alimentare su indicazione del medico).

Camminare

«Non lasciatevi incantare dai prezzi stracciati di sedicenti professionisti o dal passaparola e dai risultati strepitosi in poco tempo – evidenzia la nutrizionista – il nostro corpo è una macchina delicata e per perdere chili in eccesso e incrementare la massa muscolare ha bisogno di una nutrizione specifica, di attività fisica e di piccoli cambiamenti nel tempo: l’obiettivo della perdita di peso deve essere a lungo temine e bisogna entrare nell’ottica di adottare uno stile di vita sano nella quotidianità. Diffidate invece delle diete drastiche, che promettono ottimi risultati in breve tempo; i chili che si perdono molto velocemente non rappresentano un dimagrimento salutare e cioè a carico della massa grassa ma molto spesso rappresentano una perdita di acqua e nei casi peggiori, una perdita di massa muscolare e in breve tempo, nel momento in cui viene meno il regime alimentare drastico, vengono riacquistati».

Legumi

Al termine delle abbuffate natalizie, per dare tempo al nostro organismo di riequilibrarsi, «il consiglio è quello di evitare o ridurre al minimo il consumo di dolci, zuccheri, grassi e alcool – sottolinea la Raffaelli – Abbondare invece nel consumo di verdura, alternando quella cotta a quella cruda, e prediligere proteine vegetali che ritroviamo nei legumi. Ottimi son i piatti unici di cereali e legumi accompagnati da un contorno di verdure. Cibi ricchi in probiotici, come yogurt e kefir, assieme ai prebiotici come le fibre della verdura o dei cereali integrali, saranno utili a ripristinare la flora batterica intestinale. Come “ricordo” delle feste possiamo continuare il consumo di frutta secca ricca di grassi buoni, sali minerali e antiossidanti. Il consiglio è di consumarla non salata e di acquistarla intera all’interno dei propri gusci in maniera che manterrà le proprietà nutrizionali. Per il resto valgono le regole dell’Oms e della piramide alimentare e della dieta mediterranea».

SPRECO ALIMENTARE: COME RIUTILIZZARE GLI AVANZI
Non solo chili di troppo, durante le festività abbonda lo spreco alimentare, ovvero quella parte di cibo che non viene consumata e che, quindi, finisce inevitabilmente nella spazzatura.

Un problema che presente tutto l’anno ma che si fa ancora più pressante nei giorni di festa, quando si tende a cucinare in eccesso ed è necessario “gestire” gli avanzi di cibo.
Secondo l’ultimo rapporto Fao, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, ogni anno più della metà della frutta e della verdura prodotta a livello globale finisce sprecata, mentre circa il 25% di tutta la carne, qualcosa come 75 milioni di mucche, non viene consumata.

Avanzi di cibo

Sono 4 le mosse giuste, consigliate dalla Raffaelli, per ovviare allo spreco alimentare: se il cibo cotto durante le feste era fresco e non precedentemente surgelato, è possibile congelare gli avanzi per poterli consumare più avanti. In questo caso è bene surgelarli subito dopo il pasto, spiega la nutrizionista, e non dopo averli riscaldati una o più volte. Un accorgimento che non è possibile attuare quando ad avanzare sono cibi particolarmente grassi come maionese, dolci con creme o farce, formaggi e affettati.

Un altro accorgimento è quello di conservare in frigo i cibi cotti fino ad un massimo  di 2-3 giorni a seconda della tipologia e di non riscaldare più volte gli stessi avanzi ma solo la quantità che si intende mangiare realmente, per evitare che vengano deteriorate le proprietà nutrizionali.

Infine, nel caso si possieda un abbattitore casalingo, è possibile abbattere i cibi crudi come salse e maionese in modo che possano durare più a lungo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continue Reading

Natale tra Gusto e Salute

Sabato 15 dicembre 2018, presso l’agriturismo la Rosa del Conero di Ancona, si è svolta la terza edizione dell’evento divulgativo organizzato dall’Associazione per la Tutela del Diabetico di Ancona (Atd Onlus Ancona) con il patrocinio dell’INRCA Ancona, dedicata non solo ai soci ma anche a tutti coloro che convivono quotidianamente con questa patologia. In qualità di partner scientifico il nostro contributo si è tradotto nell’attenzione al menù proposto per la giornata, nel coinvolgimento di aziende sponsor locali che hanno fornito i loro prodotti e nel trasferimento di tante nozioni, curiosità e consigli per convivere al meglio con il diabete e imparare a gestirlo nel modo più corretto, soprattutto durante le festività, tutelando il benessere generale di chi ne è purtroppo affetto.

IL DIABETE E IL FAMIGERATO PICCO GLICEMICO

Il picco glicemico, il nemico silente della buona salute prima e del diabete poi, si verifica dopo 1-2 ore dall’assunzione dei pasti e che il nostro corpo, con il passare del tempo, potrebbe non essere più in grado di controllare in maniera corretta. L’aumento frequente e non controllato degli zuccheri nel sangue si traduce a lungo andare nell’insorgenza del diabete mellito di tipo 2. Si stima che entro il 2030 si avrà un aumento del 69% delle persone diabetiche nei Paesi in via di sviluppo e del 20% in quelli industrializzati (Shaw JE et al., 2010). Prendere coscienza della patologia e imparare a conoscere come gestirla è il primo passo per iniziare un percorso di riequilibrio fisico e mentale che ha l’obiettivo di raggiungere e preservare il miglior stato di benessere possibile.

IL DIABETE E LE PILLOLE DI BIOMEDFOOD

Il diabete non va in vacanza” è stato lo slogan dell’ATD Onlus di Ancona in occasione dell’evento, perché il benessere passa dall’adesione costante ad una dieta sana ed equilibrata, anche durante le festività, senza avere paura di perdere il gusto anzi arricchendolo di nuovi sapori, nuove ricette e conoscendo e/o riscoprendo l’utilizzo di antichi prodotti. E’ stato questo il nostro compito infatti. Un mini-quiz su tante curiosità nutrizionali, in un gioco a squadre, ha premiato i tavoli dei diabetici più informati mentre un menù originale, all’insegna del “picco glicemico controllato” ha deliziato i palati dei numerosi partecipanti, passando dall’innovazione in cucina, con le sfiziose chips di verdure alla tradizione millenaria cinese di utilizzare il tè come bevanda per accompagnare i pasti o semplicemente allietare un piacevole incontro. Spunti di riflessione, curiosità svelate, suggerimenti in cucina, la disponibilità di professionisti del settore, in una giornata con un risvolto anche nel sociale grazie al coinvolgimento di una start-up locale che produce biscotti solidali, affinché non sia solo un appuntamento annuale ma diventi uno stile di vita da adottare quotidianamente per stare naturalmente bene in ogni occasione.

LE AZIENDE SPONSOR

Mettere in relazione le realtà locali con i consumatori è uno degli obiettivi di Biomedfood, portato a termine anche in questo evento. Oltre agli sponsor storici a supporto della ATD Onlus di Ancona, come le aziende GIAMPAOLI e FATTORIA PETRINI, sponsor di questa edizione sono stati MARTARELLI FORMAGGI con formaggi di solo latte marchigiano, CHORA con miscele di tè di loro creazione che sono state abbinate ai dolcetti al cioccolato del MICROBISCOTTIFICIO FROLLA. La loro ricetta è stata appositamente realizzata per questo evento affinché andasse incontro alle esigenze dei soggetti diabetici, con il suggerimento degli ingredienti da parte di Biomedfood e il supporto del noto pasticcere Gianni Lombardi. La gioia per Biomedfood è stata quella di poter conoscere e collaborare con questa giovane realtà locale e in grande crescita che da lavoro ai ragazzi disabili.

 

Continue Reading